Il Team

Abbiamo un team in crescita di professionisti di talento con una vasta gamma di competenze ed esperienze. Amiamo il nostro lavoro e lo facciamo con passione. Non vediamo l’ora di lavorare con te per cambiare davvero le cose.

CANDIDATI AL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PER LA CARICA DI CONSIGLIERI NAZIONALI

Roberta Petrino

Past President EUSEM (2016-2018), attualmente Direttore della MeCAU a Vercelli e Borgosesia.
Specialista in Medicina Interna, medico d’emergenza urgenza dal 1997.

“Da sempre in prima linea per lo sviluppo della specializzazione in Medicina di Emergenza sono stata attiva soprattutto nella società Europea di Medicina di Emergenza, dove ho rappresentato la SIMEU come società membro per vari anni, sono stata coinvolta negli organi direttivi fino a ricoprire la carica di presidente EUSEM negli anni 2016-2018. Durante il mio mandato la società è cresciuta in prestigio e attività, in particolare la sezione giovani ha avuto una grande valorizzazione ed il congresso Europeo annuale ha proposto programmi e speakers di altissimo livello. 

Sono stata coordinatrice della Task Force multinazionale per il Curriculum Europeo in Medicina d’Emergenza, pubblicato nel 2009. 

Sono stata coordinatrice della Task Force per lo sviluppo dello European Board Examination of Emergency Medicine, che ha visto la sua prima edizione nel 2014.

Dal 2018 sono coordinatore del gruppo di lavoro sull’Emergency Medicine Day, una iniziativa che ha lo scopo di promuovere la medicina di emergenza e urgenza dal punto di vista della visibilità e comunicazione informando cittadini e istituzioni sulla sua importanza e sulla necessità di investire su sistemi di emergenza efficaci. 

Sono socia SIMEU da quando è stata fondata, membro del direttivo regionale sia negli anni 2004-2008 che successivamente negli anni 2014-2018. Dal 2016 al 2018 sono stata presidente regionale.

La SIMEU del futuro deve essere più vicina ai professionisti che lavorano nel sistema di  Emergenza, partendo dalla definizione di identità, dal modello condiviso, dallo sviluppo scientifico. Io sono pronta a mettere a disposizione la mia esperienza maturata in EUSEM, e la mia passione per questa specialità. La promessa è di battermi per aumentare la reputazione, il peso politico e la credibilità scientifica della società. “

 

Riccardo Pini

FACC, FESEM, FEBEM, Professore Associato di Medicina Interna – Università di Firenze, Direttore UOC “Inquadramento Clinico Integrato e Percorsi Intraospedalieri delle Urgenze”, Dipartimento Emergenza-Accettazione, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze, Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina di Emergenza-Urgenza, Università di Firenze 

“Quando nel 2002 istituimmo a Firenze il primo Master in Medicina di Emergenza-Urgenza in collaborazione con i colleghi della Harvard University di Boston ci sembrava un miraggio poter avere un giorno la specialità anche in Italia. Invece, nel 2008 il sogno si è avverato ed ha rappresentato un traguardo importantissimo per la nostra professione e per la SIMEU. Infatti ha dato visibilità e autorevolezza a tutti i medici che lavorano nel sistema dell’emergenza-urgenza equiparandoli anche formalmente agli altri specialisti. Tuttavia, dopo l’entusiasmo iniziale, la nostra specialità ha iniziato a perdere terreno nei confronti degli altri specialisti e pertanto ritengo che sia importante impegnarsi per consolidare il nostro ruolo fondamentale nel SSN continuando a garantire uno standard elevato delle cure e migliorando le condizioni di lavoro di tutti gli operatori del sistema dell’emergenza-urgenza territoriale e ospedaliera. Credo che la SIMEU possa essere lo strumento migliore per realizzare questi obiettivi e quindi dichiaro la mia disponibilità a partecipare a questa avventura.” Dal 2010 sono socio SIMEU e ho servito per due mandati come componente del Consiglio Direttivo Nazionale (2011-2015), del Centro Studi e della Scuola Estiva “Vito Giustolisi”. Attualmente faccio parte della faculty del corso Sepsi ed ho partecipato alla stesura della consensus sulla Sepsi in Emergenza-Urgenza. Socio dell’EUSEM dal 2012, sono componente del Council ed uno dei fondatori dell’European Board Examination of Emergency Medicine (EBEEM); ho partecipato alla revisione del Curriculum Europeo. Nel 2018 sono stato nominato Fellow dell’EUSEM (FESEM) e Fellow dell’EBEEM (FEBEM).

Anna Maria Ferrari

Già Presidente Nazionale SIMEU 2008-2009.
Presidente onorario Fimeuc.
Direttore MCAU dell’Ospedale S.Maria Nuova di Reggio Emilia e del Dipartimento d’Emergenza-Urgenza Provinciale.
Specialista in Pneumologia, Anestesia e Rianimazione, Medicina Interna indirizzo d’Urgenza

“Mi sono dedicata esclusivamente all’emergenza urgenza dal 1994, anno in cui in Emilia Romagna si sono costituite le nuove Unità Operative di Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza, in applicazione al DPR 27/3/92. In quel momento, da internista già un po’ intensivista che ero, ho scelto di dedicarmi esclusivamente all’emergenza e ho cercato di completare la mia formazione con un percorso pluri-specialistico, non esistendo una scuola di specializzazione dedicata. Per questo motivo oltre alla specializzazione in Pneumologia ho acquisito quella in Anestesia e Rianimazione e successivamente quella in Medicina Interna con indirizzo d’Urgenza.
Nel marzo 2002 ho assunto la responsabilità dell’UO di Medicina d’Urgenza-Pronto Soccorso-CO118 dell’Ospedale S.Maria Nuova di Reggio Emilia e del Dipartimento d’Emergenza-Urgenza Provinciale, che dirigo tutt’ora.
Sono iscritta SIMEU, dalla sua fondazione nel 2000.  Iscritta ACEP dal 1998.
In SIMEU ho ricoperto più ruoli elettivi sia a livello regionale che nazionale, e nel biennio 2008-2009 sono stata Presidente Nazionale, portando a compimento, in collaborazione con l’Università,  il percorso di attivazione della Scuola di Specializzazione in Medicina d’Emergenza Urgenza, avvenuto nel 2009.
Sono stata propugnatrice, e quindi Direttrice per più edizioni,  della Scuola Estiva per specializzandi di Medicina d’Emergenza Urgenza con prima edizione nel 2011.
Dopo tanti anni di lotta per l’affermazione della medicina d’emergenza urgenza ho sentito la necessità di occuparmi anche di altri aspetti della professione e precisamente di etica professionale, di deontologia, di responsabilità. Dal 2015 sono Presidente dell’Ordine dei Medici di Reggio Emilia, oltre ad essere Revisore dei conti della Federazione nazionale degli Ordini (Fnomceo). Ciò non toglie nulla al mio costante impegno nel e per il sistema emergenza urgenza: in Fnomceo ho coordinato il Gruppo di lavoro sull’emergenza nel 2016-17 e faccio parte della Commissione emergenza Anaao fin dalla sua costituzione.
In questi ultimi anni il lavoro di tutti noi è diventato molto più difficile e i pericoli di un arretramento della nostra disciplina antecedenti l’anno 2000 sono reali. Chi lavora nel sistema spesso è rassegnato e vede poche vie d’uscita: in questo contesto credo sia necessario ritrovare quella forza, l’entusiasmo e l’amore per la nostra disciplina, che ci ha permesso in passato di costruire il nostro futuro e adesso deve permetterci di contrastare i cambiamenti che influiscono negativamente sul sistema d’emergenza.
Ecco il perché del sostegno a questo progetto di cambiamento, stimolato soprattutto dai giovani, che volge lo sguardo anche oltre i confini geografici e societari, ma che deve coinvolgere anche gli altri livelli esperienziali, in un comune sforzo di rilancio della nostra disciplina.”

Nicola De Luca

Professore ordinario di Medicina Interna nell’Università degli Studi Federico II di
Napoli
.
Coordinatore del Comitato Ordinatore e successivamente Direttore della della Scuola di
Specializzazione in Medicina d’Emergenza-Urgenza dell’Università degli Studi Federico II di Napoli.
Coordinatore del Master Universitario di I livello dell’Università Federico II in Management
infermieristico in Emergenza-Urgenza
.
Direttore della UOC di Cardiologia R del DAI di Emergenze
Cardiovascolari, Medicina Clinica e dell’Invecchiamento dell’ AOU Federico II.

Mi sono da sempre dedicato alla formazione dei giovani colleghi ed alla ricerca scientifica in campo cardiovascolare, sono socio SIMEU da quando si è realizzato, anche in Italia, quello che sembrava un sogno e cioè: il progetto di formazione della nuova figura di medico d’Emergenza-Urgenza. Pur essendo sorella della Medicina Interna questa nuova specializzazione è stata, spesso, vissuta come sorellastra quindi considerata meno ambita. In questo scenario partecipando alle attività regionali SIMEU ho percepito che, soprattutto, nei più giovani, affascinati anche dalla story telling di E R e di grays Anatomy, alle grandi aspettative formative, al grande fabbisogno di nuovi specialisti ha fatto riscontro una non adeguata e soddisfatta adesione a quella Società Scientifica nazionale che io ritengo sia il luogo più idoneo dove bisogna impegnarsi per valorizzare l’acquisizione  di competenze anche scientifiche unitamente alla condivisione di progetti di ricerca comuni determinando così un maggior riconosciuto riscontro professionale.”

Giovanna Guiotto

Direttore UOC Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso AORN San Pio Benevento.
Specialista in Medicina Interna e Anestesia e Rianimazione
Diploma Europeo in Terapia Intensiva (EDIC)

Sono socio SIMEU dal 2007 e, insieme a Fernando Schiraldi, con il quale ho avuto la fortuna di lavorare,
dirigo il corso di EAB, Ossigeno, fluidi & elettroliti.
Faccio parte del gruppo di formatori per l’EBEEM.
Collaboro con l’Università Federico II nel percorso formativo della Scuola di Specializzazione in MEU e con
l’Università degli Studi di Firenze per il Master di II livello in Medicina di Emergenza-Urgenza.La Medicina d’Urgenza è il mio lavoro e la mia passione dal 2002; ho lavorato prima in un piccolo Pronto
Soccorso di provincia, poi in un PO con poche specialità (dove saper fare tanto faceva la differenza) fino a
dirigere la MECAU di un DEA di II Livello (tante specialità, nessuna che contenga tutto ciò che serve al
paziente).
Da sempre sono convinta che il Medico di Emergenza-Urgenza sia una figura cruciale e insostituibile; l’unica
che possa approcciare in modo sistematico e ragionato il malato critico, in tutte le sue manifestazioni e nei
diversi setting, fuori e dentro l’ospedale.
Per questo credo che SIMEU sia il luogo giusto dove unirsi ed impegnarsi perché il nostro lavoro venga
riconosciuto e valorizzato attraverso l’acquisizione delle necessarie competenze, il confronto tra le diverse
realtà locali e con le Istituzioni, la condivisione di un progetto comune.

Paola Noto

Dirigente Medico  UOC MCAU Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico Vittorio Emanuele Catania.
Specialista in Medicina Interna indirizzo Urgenza.
Componente del National Board dell’ITC AHA SIMEU all’interno del quale riveste anche il ruolo di membro della Commissione ACLS.
Membro Effettivo della National Faculty SIMEU per la Gestione del Paziente Settico in Area Critica.
Consigliere Nazionale Simeu in qualità di Rappresentante Area Giovani dal  2009 al 2013

Sono socia della Simeu dal 2002 ed ho sempre voluto essere un Medico dell’Emergenza-Urgenza.
Ho potuto osservare in azione i grandi Padri Fondatori della nostra disciplina, imparare da loro ,in un periodo in cui la formazione  in area critica non era stata codificata ed in cui noi specializzandi dovevamo “ elemosinarla” fra un corso e l’altro. Ho visto la nostra Società rispondere in maniera sempre più efficiente e completa  a questa enorme richiesta formativa ed ho deciso di farne parte. Sono stata testimone del cambiamento che ci ha travolti con l’istituzione della scuola di Specializzazione ed ho imparato dal mio maestro Vito Giustolisi   quanto sia importante coltivare i rapporti inter societari e con le Istituzioni. Ho quindi contribuito a fondare con Fernando Schiraldi Simeu Giovani capendo, sin da allora, quanto sia importante aspirare ad un’identità   con un modello unico di medico dell’emergenza urgenza con cui identificarsi ed a cui ispirarsi per tutti coloro che si trovano a lavorare nei nostri Pronto Soccorso ma che provengono da aree formative diverse.
Adesso ci troviamo in  un periodo storico in cui la nostra realtà è messa seriamente a rischio da problematiche politico /organizzative molto complesse e ben note a tutti. Problematiche  che a mio parere potremo superare solo lavorando tutti insieme cercando sinergie ed evitando dispersione di professionalità. Mi candido quindi per mettere a disposizione di Simeu la mia esperienza , il mio Know how, ma soprattutto la mia inesauribile passione nei confronti di questa disciplina che considero la più completa ed entusiasmante di tutta la medicina.

Matteo Capecchi

Specializzando in Medicina d’Emergenza-Urgenza, V anno a Siena

“Ho deciso di candidarmi per dare il mio contributo nel momento complesso che la nostra disciplina sta attraversando, e, grazie al lavoro del Direttivo SIMEU e non solo, farle finalmente acquisire la dignità che merita.Le criticità infatti sono tante e sotto gli occhi di tutti, e provengono tanto dal contesto esterno alla Medicina di Emergenza Urgenza, ma anche dal suo interno. È necessario rafforzare la nostra identità di referenti principi dell’Emergenza, per poterci finalmente affermare come tali”

Stefano Geniere Nigra

Specialista in Medicina d’Emergenza-UrgenzaDirigente Medico presso PS – 118 – Medicina d’Urgenza – Trauma Center
“M. Bufalini” – Cesena

“Abbiamo scelto una specialità consapevoli di una strada in salita, da costruire con le nostre forze, contando su noi stessi. Ci siamo impegnati in un percorso di specializzazione apprendendo il necessario per la gestione del paziente grave indifferenziato con le mani, il cuore e il cervello. Sapevamo che avremmo dovuto sgomitare per affermare l’identità del medico d’Emergenza che ci appartiene. Lo facciamo ogni giorno nei nostri luoghi di lavoro. Dobbiamo farlo anche dentro la società. La materia culturale e umana c’è. Dobbiamo solo organizzarla e convogliarla in un progetto forte e onesto.”  

Andrea Duca

Specialista in Medicina d’Emergenza-Urgenza
Medico d’Emergenza-Urgenza presso Centro EAS, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo

“Desidero contribuire a costruire una società che valorizzi e tuteli la figura del medico d’emergenza-urgenza, che possa diventare punto di riferimento e sostegno per chiunque lavori nell’emergenza e voglia garantire al paziente il più alto standard di cura possibile, collaborando in modo autorevole e produttivo con le altre società scientifiche, l’università, i sindacati e le figure politiche.”

Valerio Teodoro Stefanone

Specializzando in Medicina d’Emergenza-Urgenza, V anno a Firenze.
Ricercatore in Scienze Cliniche.
Past President CoSMEU

“Credo fermamente che la SIMEU sia la chiave per raggiungere il completo riconoscimento della Medicina d’Emergenza-Urgenza italiana. Essa deve incrementare la quantità e la qualità delle pubblicazioni scientifiche, dei rapporti con le Società affini e, soprattutto, deve garantire il raggiungimento e la certificazione delle competenze necessarie ad ogni Operatore dell’Emergenza-Urgenza. La Società Scientifica deve essere presente in questo delicatissimo momento storico con prese di posizione chiare e decise. Tutti questi aspetti devono migliorare e dunque, riconoscendomi appieno nel nostro Manifesto, ho deciso di candidarmi. Metto a disposizione la mia esperienza organizzativa e comunicativa maturata in CoSMEU e la mia passione di Specializzando e Ricercatore per quella che ritengo la branca medica più affascinante: la Medicina d’Emergenza-Urgenza!”

Efrem Colonetti

Specialista in Medicina d’Emergenza-Urgenza,
Dirigente Medico presso Trentino Emergenza

“Credo che oggi più che mai sia necessaria una società scientifica forte, che abbia chiara l’identità del medico d’emergenza, che sia in grado di sostenerne la crescita e l’integrazione all’interno del SSN e che sia presente e produttiva sia nel mondo accademico e scientifico che in quello politico.”

Matteo Borselli

Specialista In Medicina di Emergenza Urgenza, ASL Toscana Sud-Est.
Past President CoSMEU 2014-2015. Consigliere Nazionale SIMEU 2017-2019

“Come Medici di Emergenza-Urgenza ci troviamo ad un punto di svolta: o
affermiamo definitivamente la nostra specialità e le nostre
professionalità come le uniche necessarie per affrontare il paziente
critico indifferenziato all’interno dei Pronto Soccorso e dei servizi
extraospedalieri o ci ritroveremo ad affrontare svariati passi
indietro. La nostra specializzazione ha apportato una bella ventata di
cambiamento, ma abbiamo ancora molte cose su cui lavorare per rendere
i nostri organici compatti per qualità e competenze. SIMEU ha un ruolo
fondamentale nello stabilire gli standard di qualità e nel rendere,
tramite la formazione, il più possibile omogenee le competenze tra i
nuovi specialisti e chi è arrivato alla Medicina di Emergenza tramite
altri percorsi. La SIMEU deve essere la casa di tutti, ora più che
mai.”

Nicola Bacciottini

Specialista in Medicina d’Emergenza-Urgenza – Parma
Dirigente Medico DEA-MeCAU – Ospedale Sant’Andrea – Vercelli
Segretario Regionale SIMEU Piemonte-Valle d’Aosta

Credo che una società scientifica forte ed unita sia necessaria affinché la MEU si affermi e cresca, come
già accaduto nei paesi dove ora è una realtà imprescindibile e riconosciuta. Tanti sono i fronti su cui
lavorare, alcuni esempi: rapporti con i sindacati, per migliorare la qualità di vita e di lavoro di noi
operatori dell’Emergenza-Urgenza; certificazione e riconoscimento delle competenze, standardizzazione
“verso l’alto” del lavoro in DEA, OBI, pre-ospedaliero, etc; incremento della produzione scientifica;
rapporti con le scuole di specializzazione e con le altre società scientifiche, nazionali ed internazionali;
promozione della simulazione; proposta di modelli sostenibili per risolvere la crisi del nostro settore,
senza svilire la specializzazione per cui SIMEU si è tanto battuta in passato; rapporti con la politica, per

far si che tali modelli vengano recepiti ed applicati.
Mi impegno a promuovere quanto sintetizzato nel nostro Manifesto, con la convinzione che SIMEU
debba sposare la MEU in tutto e per tutto, ma debba anche essere inclusiva, portando tutti gli operatori
dell’Emergenza-Urgenza al livello di eccellenza che i nostri pazienti meritano di trovare.”

CANDIDATA AL IL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PER LA CARICA DI COORDINATORE DEL GIOVANI MEDICI

Lucia Frigo

Specializzanda in Medicina d’Emergenza-Urgenza. V anno a Verona. Consigliere del Direttivo CoSMEU dal 2017 al 2019 

“In un momento difficile come questo, dove la formazione è ben lungi dall’essere standardizzata su tutto il territorio nazionale, ritengo che ci sia bisogno di una società scientifica che sia il  punto di riferimento per i giovani e che investa su di essi.
Vogliamo sentirci affermati nella nostra identità, che passa imprescindibilmente attraverso la certificazione delle competenze.
Inoltre, ai fini di migliorare il profilo scientifico e formativo della società, che deve  per forza raggiungere il più alto livello possibile, sono indispensabili una collaborazione con l’Università e le associazioni di specializzandi e giovani medici”


Desideri lavorare con noi?